La nostra storia

Inaugurazione sede di san Colombano, 2005

Inaugurazione sede di san Colombano, 2005

DAL 2004 A BERGAMO

Il centro di Musica Orchestrale per persone disabili “La nota in più” nasce nel 2004 dalla volontà dell’Associazione Spazio Autismo di Bergamo, di cui è progetto d’eccellenza, in collaborazione con l’Ufficio Scolastico Provinciale e il Comune di Bergamo. E’ proprio nel 2004 che ha inizio il primo corso di formazione triennale per gli operatori tenuto dal Centro Esagramma di Milano che porterà alla specializzazione di ben 20 operatori musicisti e psicopedagogisti a cui, nel corso degli anni, si sono aggiunti e avvicendati altri preziosi collaboratori.

PRIMI PASSI

I nostri esordi ci vedono iniziare nel 2005 con tre gruppi di MusicoTerapia Orchestrale (MTO). Già nel maggio 2007 questi primi temerari si esibiscono nel primo saggio pubblico nella bellissima cornice di Sala Piatti in Città Alta, incontrando grande consenso nel pubblico e un preziosissimo elogio da parte di Monsignor Sequeri, ideatore del metodo.

Saggio di secondo anno in Sala Piatti 2007

Saggio di secondo anno in Sala Piatti 2007

GLI ANNI SUCCESSIVI

Le nuove iscrizioni permettono di formare nuovi gruppi di percorso triennale. Nel 2008 sul palco dell’Auditorium di Piazza della Libertà, terminato il primo triennio, esordisce la prima formazione dell’Orchestra Sinfonica con l’esecuzione della Seconda Sinfonia di Mahler e la Quarta di Brahms.

La prima Orchestra all'Auditorium della Libertà nel 2008

La prima Orchestra all’Auditorium della Libertà nel 2008

Negli anni successivi continuano a formarsi nuovi gruppi che dal 2009 hanno la possibilità di esibirsi, nei loro saggi di fine anno, sul prestigioso palco della Sala Greppi in Bergamo.

Saggio gruppo Terzo anno Sala Greppi 2009

Saggio gruppo Terzo anno Sala Greppi 2009

L’Orchestra Sinfonica anno per anno, con uno studio continuo e intenso sotto la direzione di Giacobbe Doria

Concerto a Seriate 2010

Concerto a Seriate 2010

a cui nel settembre 2011 si avvicenda Silvia Gazzola,

L'orchestra nel dicembre 2011

L’orchestra nel dicembre 2011 a Bottanuco

acquisisce un repertorio via via sempre più complesso e viene chiamata a tenere concerti in Bergamo, in tutta la Provincia ma anche oltre i confini bergamaschi.

Nel 2010 vede la luce il progetto della piece teatrale “Muri“. Da un’idea di Walter Previtali, realizzata in collaborazione con “deSidera” Bergamo Teatro Festival.

Prima di Muri in Piazza Vecchia 24 aprile 2010

Prima rappresentazione di Muri in Piazza Vecchia 24 aprile 2010

Nel 2011 inizia l’avventura dell’Orchestra d’Archi ad opera di Marco Lorenzi. Il gruppo si esibisce in vari contesti tra cui l’Università di Cremona nell’ambito del Convegno “Famiglia al centro”

L'Orchestra d'Archi in Sala Greppi

L’Orchestra d’Archi in Sala Greppi

Il 2012 è l’anno di un’altra grande novità e sfida: nasce una seconda Orchestra Sinfonica, denominata Junior, la cui conduzione è affidata a Gabriele Rubino.

L'Orchestra Junior in sala Greppi nel 2013

L’Orchestra Junior in sala Greppi nel 2013

OGGI PRESSO LA SEDE DE “LA NOTA IN PIU’”

Ancora oggi il progetto è reso possibile grazie al contributo di:

  • Ufficio Scolastico Provinciale che da anni garantisce i distacchi (uno totale e due parziali) di tre insegnanti.
  • Comune di Bergamo che mette a disposizione lo stabile e le utenze e che ha fornito tutti gli strumenti dell’orchestra necessari all’attività.
  • Centro Spazio Autismo onlus che copre tutte le spese di gestione e che cura tutta l’organizzazione.

La formazione e l’aggiornamento sono continui e sempre a cura del centro Esagramma. Alcuni nostri operatori sono diventati loro stessi formatori presso il Centro di Milano. Oggi: – 25 allievi sono inseriti nei gruppi di percorso triennale MTO e di propedeutico. – 27 allievi compongono le due Orchestre Sinfoniche e l’orchestra d’archi, di cui 17 seguono anche le lezioni di perfezionamento strumentale – 20 musicisti professionisti formati con il metodo “Esagramma” in costante aggiornamento – alcuni tirocinanti universitari che si accostano alla metodologia affiancando i ragazzi e i docenti nel lavoro orchestrale